domenica 19 dicembre 2010

Richiesta discorso di fine anno

Egregio Signor Sindaco,
le scrivo perché avrei piacere che lei fosse disponibile a regalarci, con i mezzi che riterrà opportuni, un vero e proprio  discorso di fine anno, a “Reti Unificate”, come fa il Presidente della Repubblica, intendendo con questo, un discorso che copra tutti i diversi aspetti del territorio martoriato dal sisma.
Molti cittadini la avevano sollecitata a rendersi disponibile per un “question time” mensile, ma purtroppo non c’è stato mai modo di poterle sottoporre alcuni quesiti che, ormai da troppo tempo, ci e mi attanagliano.
Quindi davvero auspicherei che lei, durante le festività natalizie, possa approntare un discorso e rispondere ai quesiti dei cittadini. Non quesiti specifici su problemi di singole persone, ma domande che riguardano il futuro di una comunità intera, futuro prossimo e lontano.
Io provo a buttarne giù qualcuno, se altri cittadini ne hanno altri, ben vengano. Cercherò di porre quesiti che siano di sua competenza, se taluno di quelli proposti non lo fosse, la prego di adoperarsi per avere risposte da chi può fornirle.

1. Questione macerie: Quante tonnellate di macerie dovranno essere smaltite? Quali e quanti siti sono stati individuati e quando saranno operativi? E’ prevista la selezione e il recupero delle stesse? Quali sono i costi di smaltimento e quanto si potrebbe recuperare dal riciclo dei materiali?

2. Costi della ricostruzione: esiste una valutazione complessiva del danno?

3. Ricostruzione: nonostante i problemi innescati dalle linee guida, si è fatto un progetto nel quale, almeno, sia indicato ciò che va abbattuto e ciò che può essere recuperato? Sono stati approntati studi dettagliati di microzonazione sismica?  In questo caso, quali tecniche di ricostruzione potranno essere utilizzate nei diversi casi a seconda dei risultati della microzonazione sismica?  In termini di sicurezza cosa ci può dire riguardo la ricostruzione degli edifici classificati “E”  e di quelli già agibili?

4. Nuovi insediamenti. Progetto C.A.S.E. e MAP: sono pronti i regolamenti di condominio? Come mai a fronte di circa 360.000 Euro spesi dalla Protezione Civile ancora non è possibile usufruire di tali regolamenti? A quando il passaggio dai contratti in comodato d’uso a quelli in affitto?

5. Prevenzione: quali sono i piani di prevenzione del Comune? Esistono, al momento, aree attrezzate di raccolta? Che tipo di informazione è stata data ai cittadini?

6. Viabilità: è possibile conoscere il piano generale di viabilità oppure dobbiamo aspettarci di veder nascere rotonde senza capire il perché? Si stanno chiedendo finanziamenti per l’utilizzo della rete ferroviaria come trasporto urbano? Riguardo il progetto “Metropolitana di superficie” cosa bolle in pentola?

7. Università: quali interventi si intende portare avanti per la popolazione studentesca (affitti per esempio e non solo per gli studenti, ma anche per tutti i cittadini)?

8. Piano regolatore: molto semplicemente, come siamo regolati?

9. A che punto si trova l'attuazione del regolamento riguardante la trasparenza e l'informazione, approvato dal Consiglio Comunale?

10. Il regolamento di partecipazione presentato dai cittadini, a quale punto dell'iter di approvazione si trova?


Aspettando il suo discorso di fine anno, le invio

Distinti saluti
Giusi Pitari

4 commenti:

  1. Brava Giusi, hai colto nel segno!

    RispondiElimina
  2. E che cavoli, qualcuno dovrà pure rispondere, o no?

    RispondiElimina
  3. brava Giusi!! io aggiungerei nel punto rotonde che invece manca dove davvero sarebbe necessaria e si è creato uno sbarramento che rende difficoltoso il raggiungimento delle scuole anche per gli abitanti del quartiere ed aumenta l'ingolfamento del traffico sulla rotonda antistante l'ospedale. Quando spiegherà ai cittadini il perché di quella non realizzazione, prevista dalla SGE con progetto e soldi stanziati?
    inoltre chiederei anche quale vera partecipazione intende offrire ai cittadini e se darà spazio ad opportuni confronti di progetti e libere scelte dei cittadini per le riqualifiche di aree comuni, come Piazza d'Armi o ancor più per gl'interventi su quartieri di proprietà come Valle Pretara, o continuerà ad appoggiare unici progetti, spacciandoli come il meglio che si possa avere,e riproponendo così una modalità da noi ben conosciuta, la stessa che ci ha portato alle conseguenze che ora denunciamo. In quel caso c'era la scusante emergenza, ora quale scusa abbiamo? donazioni?

    RispondiElimina
  4. Dovrà rispondere se veramente interessato al bene dei suoi cittadini che rappresenta :-)

    RispondiElimina